Consorzio Protezione Civile Regione Lugano Campagna


Vai ai contenuti

Strutture

Affitto strutture



Gli impianti che possono essere messi a disposizione sono i seguenti:

LUOGO

STRUTTURA

POSTI DISPONIBILI

OSSERVAZIONI

FOTO

Cadempino

Impianto

50

Acqua calda / Si docce

clicca qui

       

Caslano

Impianto

50

Acqua calda / Si docce

clicca qui

       

Lamone

Impianto

50

Acqua calda / Si docce

clicca qui

       

Novaggio

Impianto

50

Acqua fredda / No docce

clicca qui

       

Rivera

Impianto

50

Acqua calda / Si docce

clicca qui

       

Tesserete

Impianto

50

Acqua calda / Si docce

clicca qui


Tariffe di locazione:

Tariffe di pernottamento con utilizzo di tutta la costruzione senza cucina:

Fr. 8.00 persona/giorno, viene conteggiato sia il giorno di arrivo, sia quello di partenza.
Ritenuto in ogni caso un importo minimo di Fr. 150.00.


Tariffe utilizzo cucina compreso utensili e stoviglie:

Per almeno 5 giorni Fr. 50.00/giorno.
Inferiore a 5 giorni addebito minimo di Fr. 150.00.


Tariffe utilizzo limitato al solo refettorio o altri particolari locali:

Fr. 50.00/giorno.
Ritenuto in ogni caso un importo minimo di Fr. 100.00.


Spese diverse:

Fr. 200.00 di caparra per convalidare la riservazione.

Tassa di soggiorno per porsona/notte, esonerati i/le ragazzi/e fino a 14 anni,
Fr. 0.50 a carico del beneficiario e Fr. 0.20 a carico del concedente.

Riscaldamento ed energia elettrica secondo il consumo effettivo.

Fr. 5.00/persona per la pulizia delle federe cuscini e materassi.

Pulizie e riordino finale a carico del beneficiario.


Regolamento per il prenottamento:

1. RESPONSABILITA’
Il capo comitiva è responsabile nei confronti del concedente del rispetto, da parte degli occupanti, delle condizioni di utilizzo del rifugio (adeguato comportamento). Prima dell’occupazione egli provvederà ad allestire su formulario ufficiale (in 2 esemplari) l’elenco dei nominativi degli occupanti, attestandone con la propria firma (anche nei confronti dell’autorità di polizia) l’esattezza e la completezza. Il concedente non assume responsabilità per danni o furti subiti dal beneficiario.

Hanno diritto di accedere al rifugio solo i componenti della comitiva come dal formulario ufficiale.
E’ proibita l’entrata a terze persone
Per contro il concedente ha diritto di accesso per controlli se accompagnato dal capo comitiva o da un suo rappresentante.

3. QUIETE PUBBLICA
Data la vicinanza di stabili abitativi, nel rispetto della quiete pubblica dovranno assolutamente essere evitati rumori molesti all’esterno del rifugio, sia di giorno che di notte.

4. DIVIETI
E’ severamente vietato:
fumare nel rifugio;fuochi di qualsiasi genere e utilizzare apparecchi funzionanti con carburante (lampade, fornelli, stufe, ecc.) all’interno del rifugio;nel rifugio materiali infiammabili (come ad esempio carburanti; bombole di gas, ecc.), esplosivi, munizioni, ecc.;o manipolare le attrezzature tecniche quali ventilazione, riscaldamento, trasmissioni, ecc., se non espressamente autorizzati dal concedenteanimali nel rifugio;il sedime esterno se non per il semplice accesso al rifugio;negli scarichi (toilettes, lavabi, docce, cucina, ecc.) oggetti che ne possano causare l’otturazione;

5. DANNEGGIAMENTI - PERDITE
Il capo comitiva è responsabile verso il concedente per tutti i danni o perdite causati dagli occupanti, all’interno o nelle vicinanze del rifugio. Gli stessi saranno fatti riparare da parte del concedente a spese del beneficiario.

6. INVENTARIO
Alla presa in consegna del rifugio verrà allestito un inventario che sarà firmato dal concedente e dal beneficiario.
Alla riconsegna, verrà effettuato un successivo controllo di verifica.

7. CHIAVI
Le chiavi del rifugio devono essere ritirate e riconsegnate dal beneficiario, previo accordo con il concedente,
durante i giorni feriali (lu-ve), negli orari seguenti: 0730 - 1200 / 1330 - 1700.
durante i giorni non lavorativi (sa, do oltre festività) secondo accordi presi al momento della presa in consegna del rifugio.

8. PULIZIA
La pulizia interna del rifugio e degli accessi deve essere effettuata giornalmente dagli occupanti.
Il concedente metterà gratuitamente a disposizione il materiale e gli attrezzi necessari.
Al termine dell’occupazione i locali con il relativo contenuto dovranno essere riconsegnati perfettamente puliti. In caso contrario il concedente provvederà a far effettuare le pulizie da una ditta specializzata, addebitando i costi dell’intervento al beneficiario.

9. MISURE DI SICUREZZA E DI COMPORTAMENTO IN CASO DI INCENDIO O D’EMERGENZA
Il beneficiario s’impegna costantemente durante tutto il periodo di pernottamento nel rifugio, ad effettuare la sorveglianza continua quale misura di prevenzione antincendio.
2. A tale scopo viene istruito (al momento della presa in consegna del rifugio) sul comportada assumere in simili situazioni ed in particolare all’uso dei mezzi antincendio a dinel rifugio, alle norme sulla ventilazione e all’allarme ai pompieri (telefono).
3. L’uso del telefono (che comporta la rottura del vetro della cassetta portachiavi
) è autorizunicamente in caso d’incendio o d’emergenza (polizia, pompieri, ambulanza, ecc.).
4. L’eventuale rottura del vetro non dovuto a casi d’incendio o d’emergenza comporta il padell’importo completo delle conversazioni telefoniche del mese in questione.
5. Le luci nel rifugio, che dall’entrata conducono ai dormitori
, dovranno rimanere ininterrotaccese durante tutta la durata della permanenza nel rifugio.
6. Le lampade d’emergenza
devono sempre rimanere allacciate alla rete elettrica.
7. Le porte blindate ed a pressione
dovranno rimanere costantemente aperte. Per contro per il buon funzionamento della ventilazione, la porta in legno montata all’entrata del rifugio (locale Chiusa) dovrà sempre essere chiusa (non a chiave !).
8. Oltre alle istruzioni verbali, impartite dal rappresentante del concedente, sono pure valide le diindicate nell’apposito “Regolamento interno”.


10. PAGAMENTO FINALE
Il pagamento ha luogo alla riconsegna del rifugio (contro relativa ricevuta), e concerne l’indennità di pernottamento effettivo e l’eventuale uso della cucina.
Eventuali spese di pulizia, di riparazioni danni, di perdite, ecc. verranno fatte eseguire dal concedente e fatturate successivamente al beneficiario (v. pti. 5+6+7+8). A tale proposito verranno trattenute, quale acconto, le caparre indicate nelle Norme Generali.

11. RITIRO E RICONSEGNA
La consegna e il ritiro della struttura avviene durante le ore d’ufficio, in casi eccezionali e con il preavviso del cdt si può derogare a quanto scritto precedentemente, in questo caso si rende attento il beneficiario che gli verrà fatturato il tempo necessario che l’ incaricato impiegherà per il disbrigo delle pratiche.



REVOCA DEL PERNOTTAMENTO


In caso di catastrofe o di necessità urgenti, il concedente può revocare con effetto immediato il diritto concesso di occupare i locali.
In tale caso il rifugio dovrà essere riconsegnato a disposizione della Protezione Civile entro un termine massimo di 24 ore, senza che ciò dia luogo a pretese di sorta da parte degli occupanti.
Lo stesso vale nel caso di grave o ripetuto mancato rispetto di quanto previsto ai pti. 3 e 4.




Torna ai contenuti | Torna al menu